Archivi categoria: Vita di scuola

Esser-ci nella società capitalistica: Heidegger risponde alle manipolazioni del consumismo

La società capitalistica è una società del consumo o il consumo della società?
La ricerca ontologica che si rinviene nel concetto di esser-ci, ovvero la capacità dell’ente di domandarsi cosa sia l’essere, propria del filosofo contemporaneo Martin Heidegger, risponde a questo quesito dimostrandosi molto più attuale di quanto sembri.
L’avanzamento tecnico è in continua evoluzione, e sta raggiungendo livelli che poco più di un decennio fa sembravano possibili solo nei film.
L’innovazione, secondo Heidegger, ha reso l’uomo “un fondo illimitatamente disponibile per l’agire tecnicamente determinato”.
L’uomo smette così di essere ‘ciò che è’, ma inizia ad essere ‘ciò che gli viene imposto di essere’, inizia ad adattarsi ad una vita basata sul consumo apparentemente necessario di prodotti pubblicizzati dalle multinazionali, che detengono il monopolio finanziario.

“Nel mondo del tecno capitalismo l’ente è disponibile per il consumo della pianificazione globale”

Le nostre decisioni, quindi, non sono più ‘nostre’, ma sono indotte da una serie di processi psicologici mirati a farci credere che tutto ciò che ci è proposto dal capitalismo come necessario lo sia davvero.
Questa è la risposta del filosofo, e non si distacca molto dalla realtà in cui viviamo oggi: una quotidianità pervasa da strategie di neuromarketing e stereotipi che accomunano gli interessi ‘apparenti’ di tutti.

Chiara Brogi, III cl A

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Vita di scuola

Sports in the USA: interview with John Green

  1. What does your job involve exactly?

My name is John Green, I am a National Cross Checker for the Los Angeles Dodgers, which is basically a high level amateur scout for the Dodgers, we have local scouts (16) throughout the USA and their job is to report on all draftable players in their territory and recommend them for the MLB draft every June. My job is to travel the country and see the best players, both high school and college –  when our scout in Texas recommends we select a player in the 1st round, I will see that player and compare him to the player that our scout in Florida also suggests we take in the 1st round. I help put them in order, prioritize these players and help my boss, the Scouting Director, make good decisions in each round of the draft. We pick 40 rounds, draft selection happens in reverse order of last years record so that the worst teams get the first selections, this year we pick last, # 30, as we won the most games in the regular season last year.

2. What importance does the school system give to sport? Does the school favour the grading of the students who practise sports?

The school system is very important to the development of youth sports in the USA. Many inner city schools don’t have the money/resources/fields to field competitive sports programs, the vast majority of families with kids look to move to the suburbs outside the cities where sports are encouraged and they have money for all the various sports for both boys and girls. Volleyball, soccer, softball are popular girls sports – the boys are likely to play baseball, football, and soccer. Schools promote sports play and some type of sport/gym class is required in both middle school and high school. Schools do not give any leeway on grades to athletes who play sports, they will make some accomodation to those in sports who are traveling or have heavy schedules before tests, they may extend due dates on homework assignments or makeup quizzes/tests if handled ahead of time. Things are changing now in the USA, schools are very important in the sports development of kids up  through middle school, high school sports are getting very competitive, costly summer travel teams are now taking on the development of kids in sports in HS, we still have very good HS programs in certain sports, in certain areas but the competition for college scholarships is such that parents are paying high fee’s to help their kids play at the highest level possible during the summer, get seen by professional and college scouts, to help with either college costs or go the professional route. My experience is that many parents think their kids are good enough to become professionals but very few kids are both mature/talented enough to play professional sports out of HS, most have to go to college to realize those dreams, the one exception is baseball. We select HS players and expect that the good ones will take 3-5 years in the minor leagues before they are ready to play in the ML’s. If we take them high enough in the draft, they will have money to secure themselves if they do not succeed and we pay for their college education should they not make it. It is still up to the individual to make the best out of there circumstances. The last two Rookies of the Year in MLB were Dodgers that we took out of HS, google them, Corey Seager and Cody Bellinger.

3. Are students, who have a scholarship thanks to their athletic performances, really prepared? Do these students get a job if they don’t become a professional athlete or do they have difficulty?

It is quite dependant upon the individual but most are very prepared because they must have the focus to compete at a high level and do well in the classroom. I think there is a stereotype that dumb jocks get pushed through school because of their ability on the field. While I’m sure this happens on occasion it is the exception not the rule. For example, I attended U of Arizona to play baseball, worked extremely hard to take advantage of my athletic ability to be able to pay for my education and get a Geological Engineering degree. After playing 6 years in the minor leagues with the Cubs and the Yankees I used my degree and worked for an Environmental Engineering company in Tucson. This put me in a good situation two years later when professional baseball came calling and offered me a job, I had the option to continue my work but was ready to get back into professional baseball as a scout. I planned and did not put all my eggs in one basket, so to speak, my life did not depend on me playing in the Major Leagues, it was definitely a dream but always made sure I had a backup. This is the way %70 of the population feels, as always there are some that can’t be convinced.

4. I said that there are local teams in Italy where people can practise sports. Is it the same in the USA or are there only school teams?

All kids start in school sports but by the time they reach high school they start to branch out to the best travel teams in the area that they can 1) afford 2) be good enough to play on, in some cases the high schools are the best option, in others it’s the travel teams, especially in the summer.

5. Can you practise every sport in each school or is every school specialized in a few sports? If a student wants to play baseball, can he decide to attend any universities or don’t some universities practise sports?

Life here in the USA is very mobile with kids and their parents traveling all over the country for work and for sporting events. Twenty years ago, it was common for kids to become 3 sport athletes, boys playing football, basketball and baseball in the HS year. Now it is more common for kids to play just two sports if they are athletic, some just specialize in just one sport and play it all year long. Kids usually attend universities based upon 1) area of study 2) sports teams 3) geographical location

6. Athletes, in Italy, who practise sports such as skiing, archery or fencing are paid by government teams. Each military corps has its own teams. For example, there are: Army teams, the Fiamme Oro Teams, which are police teams, or the Fiamme Gialle teams, which are financial guard teams. Is the system the same in the USA or can athletes support themselves financially?

We have Academies for Army, Navy and Air force and they have sports teams but the vast majority of athletes need to support themselves through help from their families, student loans, scholarships, the government also does low cost loans.

7. Are there minor leagues? Can a team relegate in a lower division or can it get a promotion to a higher division?

In football and basketball the best players go right to the top level of professional play, the NFL and the NBA. In baseball there are minor league teams because it takes so long to acquire the skill to play at the ML level, the other sports are more of a physical/athletic nature where their natural ability makes them great. Pro teams make a lot of money here and it is very competitive, on occasion the owners don’t run the teams well, they play poorly, attendance goes down but in a capitalistic world there are always suitors available to buy these teams to try to make them better, so they can make some money.

8. Can a player be sent on loan to another team?

Yes, but it does not happen often, more likely is a player will get traded to another team so that both get the same benefits. We now have laws here that teams can’t keep a player from playing on one of their competitors teams if that player is not playing, after a certain amount of time that player is free to play with whomever he wants.

 

Tommaso Cagnoni, 2clB

Lascia un commento

Archiviato in Vita di scuola

Le nuove prime del liceo scientifico

1sAdefinitivo

1 scientifico A

1sB

1 scientifico B

1sC definitivo.png

1 scientifico C

1sD definitivo.png

1 scientifico D

1sE definitivo.png

1 scientifico E

1sF def.png

1 scientifico F

 

Commenti disabilitati su Le nuove prime del liceo scientifico

Archiviato in Vita di scuola

Ecco le nostre nuove classi prime!

Classico

IMG_2823

1° Classico A

IMG_2826.JPG

1° Classico B

IMG_2824

1° Classico C

Linguistico

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

1° Linguistico A

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

1° Linguistico B

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

1° Linguistico D

1E (4)

1° Linguistico E

1F (4)

1° Linguistico F

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

1° Linguistico G

Commenti disabilitati su Ecco le nostre nuove classi prime!

Archiviato in Vita di scuola

Un tuffo negli anni 80…

Articolo di Agata Losi.

Decido di intervistare mia mamma, comodamente seduta sul divano di casa, riguardo la sua adolescenza.

Comincio l’intervista chiedendole come si svolgevano le sue giornate e quante ore dedicava allo studio. Lei, mi guarda e mi sorride e accavallando le gambe comincia a raccontare. Mi dice che le sue giornate non erano poi tanto diverse da quelle dei ragazzi moderni: anche lei si alzava molto presto alla mattina, prendeva il pullman e andava a scuola per cinque ore, anche al sabato. Al ritorno da scuola, dopo pranzo, iniziava a studiare e per la maggior parte delle volte lo studio si prolungava anche dopo cena. Quando non doveva studiare però di sera amava guardare i film in televisione.

Continuo chiedendole come si divertivano i ragazzi della loro età. Lei subito mi guarda e accompagna la sua risposta con una serie di risate… Mi racconta che in inverno molto spesso i ragazzi, nel suo piccolo paese, si ritrovavano nel campo da basket, situato vicino all’attuale piscina del paese, per giocare a pallavolo. In estate, invece, i ragazzi andavano tutti al fiume,  per prendere il sole e fare lunghe nuotate, ascoltando la musica dal Walkman.

Proseguo domandandole se a questo punto della sua vita, i suoi obbiettivi si sono realizzati. Lei subito mi guarda quasi imbarazzata e mi risponde con un enorme sorriso sulle labbra e gli occhi lucidi, forse a causa della domanda inaspettata… Mi dice che tutti i suoi obbiettivi e i suoi sogni si sono realizzati. Frequentare il liceo, laurearsi e avere una famiglia sono sempre stati i suoi più grandi sogni e fortunatamente tutti e tre si sono avverati. Mi spiega anche che tutti i lavori che da piccola sognava di praticare sono sempre stati secondari rispetto a quelli citati precedentemente.

 Come quarta domanda le chiedo qual è stato il primo mezzo tecnologico che ha utilizzato da adolescente. Lei sorridendomi e schiarendosi la voce mi racconta che il suo primo mezzo tecnologico è stato il Walkman, un antenato dell’attuale ipod e gesticolando con le mani mi spiega un po’ com’era fatto e come funzionava.

pqjdediàj.jpg

Concludo l’intervista domandandole se si ricorda quali mode erano diffuse negli anni 80. Lei con una smorfia sul volto mi risponde che ai suoi tempi il termine “vegano” non esisteva, se mai era in uso il termine “vegetariano”, per le persone che volevano dimagrire. Poi, ridendo, aggiunge, che parlando di moda la prima cosa che le viene in mente sono i cosiddetti “paninari”, ovvero i ragazzi che indossavano jeans attillati, bomber e che si cotonavano i capelli.

Commenti disabilitati su Un tuffo negli anni 80…

Archiviato in L'Acuto in flessibilità, Vita di scuola

Essere 15enne negli anni 80

Articolo di Mattia Gandolfi, 1° Lg D

Ieri ho posto una serie di domande a mia madre riguardanti la sua adolescenza ed alcune mi hanno davvero stupito….

Com’ era la tua giornata tipo?

Mentre mi guarda, sorridendo, ripensa all’ adolescenza, facendo un tuffo all’ indietro con la mente e mi racconta la sua routine: sveglia alle 6 e poi a scuola in treno; tronata a casa mangiava  e, terminati i compiti, usciva con le amiche per andare al cinema o a fare shopping. Rientrava attorno alle 6, si lavava, cenava e dopo aver guardato la tv andava a letto.

Come vi divertivate?

Prima di rispondere mi fa nottare che i passatempi del tempo erano diversi da quelli odierni e che se volevi divertirti veramente bisognava uscire di casa. Ad esempio , lei , andava in discoteca alla domenica pomeriggio o al cinema, andavano a fare shopping o ascoltavano la musica

Come ti vedevi nel futuro?

Sorride e, rivivendo forse quel sogno in questo momento mi racconta della sua ambizione di diventare barman in un famoso locale newyorkese o su una nave da crociera. Barman la è diventata, il trasferimento rimane però (per ora?) un sogno

Qual è stato il primo mezzo tecnologico con cui sei entrata in contatto?

Ci pensa un po’su, guardando il mio smartphone nero appoggiato sul tavolo. Mi racconta del walkman, un lettore musicale e dei primi videogame che regalò a suo fratello. Mi racconta inoltre che, un’invenzione innovativa fu il telefono fisso con il tastierino invece che con la rotella. Per scrivere non c’erano i pc ma la macchina da scrivere o il fax.

oiwrojfoetj

 

Commenti disabilitati su Essere 15enne negli anni 80

Archiviato in Vita di scuola

Un’adolescenza negli anni ottanta.

Articolo di Linda Anelli, 2° Lg A

Il sole splende – stranamente – sui tetti di Piacenza e, appena tornata a casa da scuola, decido di fare il compito che mi hanno assegnato per il giorno seguente: fare un’intervista. Non un compito facile, certo, soprattutto per chi la deve “subire”. Decido di intervistare mio padre, nonostante non sembri particolarmente in forma, ma so che non si tirerà indietro.

Prima domanda ed è subito euforia: “come era la tua giornata tipo, papà?” dico con fare quasi intimidatorio, classico degli giornalisti di testate giornalistiche di gossip. Il mio vecchio, seduto a gambe incrociate sul divano di casa, risponde di getto, senza riflettere un attimo. La sua giornata era divisa in due parti: la mattina, che si passava sempre a scuola, e il pomeriggio che, quando la campanella non lo richiamava sui banchi per il rientro pomeridiano, passava a studiare (poco) ma soprattutto si recava presso il mitico oratorio del Corpus Domini per una partitella a calcio insieme ai suoi amici.

Un silenzio sembra pervadere la stanza, ma fortunatamente la tv in sottofondo funge da radio e le canzoni hanno la meglio sul quasi imbarazzo creato. Finito di appuntare le ultime cose, parto con la seconda domanda, che riguarda l’impiego del tempo libero. Mentre cerca di sistemarsi meglio sul divano, pensa alla risposta, e dopo qualche istante dichiara che si recava alla società sportiva Libertas per giocare a calcio ma, come anche già citato in precedenza, i suoi svaghi erano concentrati soprattutto presso l’oratorio dove si giocava e si passava semplicemente del tempo insieme.

La terza domanda invece è questa: “quando eri adolescente, come ti vedevi nel futuro? Avevi qualche sogno nel cassetto? Si è realizzato?” dico. “A dir la verità non avevo molto tempo per pensare al futuro, sono andato a lavorare quando ho compiuto i 16 anni e da lì in poi non mi sono più fermato.” Cerco di andargli un po’ sotto, escogitando metodi per farmi dire qualcosa di più, perché non è possibile che un ragazzo di 16 anni non abbia sogni nel cassetto. Ancora una volta il silenzio si mette tra di noi, ma poi la sua voce decisa mi dice: “A dir la verità sì, avevo un sogno, diventare un calciatore, ma sapevo benissimo che era un’utopia: ero convinto che non sarei mai diventato uno dei signori del calcio che si vedono al giorno d’oggi in tv”. So benissimo che non mi dirà mai tutta la verità, perché forse di qualche sogno aveva vergogna; proprio per questo motivo gli ricordo del suo sogno nel cassetto che amo, fare il giornalista sportivo. “Ah, beh, sì, un altro sogno era diventare un giornalista sportivo, così avrei unito due mie passioni: lo sport e la scrittura”.

A riportarci alla realtà è mia madre questa volta, che entra di volata dalla porta di casa per portare la spesa in frigo. Passo così alla quarta ed ultima domanda: “Qual è stato il primo oggetto elettronico che hai usato?”. “Indubbiamente la televisione, e poi logicamente la radio”, mi dice mio padre. “E poi mi ero affezionato moltissimo a un videogioco sul calcio, di cui non ricordo il nome però; era molto innovativo per l’epoca: luci e suonerie molto all’avanguardia” prosegue sorridendomi. Continua spiegandomi che non era più grande del suo portafoglio, che nel frattempo mi mostra orgoglioso come se fosse veramente quel game boy, ma che adorava comunque.

Una voce dalla cucina chiama il nome di mio padre: è ora di andare ad aiutare la donna di casa a mettere a posto la spesa.

Commenti disabilitati su Un’adolescenza negli anni ottanta.

Archiviato in L'Acuto in flessibilità, Vita di scuola