Adolescenti anni 80

Articolo di Federico Boschi, 1° Lg D.

Com’eri alla mia età? Ecco il focus dell’intervista che ho fatto a mia madre ieri pomeriggio. Le ho rubato 5 minuti, facendola accomodare sul divano in modo che si sentisse a suo agio. Prende in braccio il gatto per coccolarlo e, nel mentre, do il via alle mie domande. “Com’era organizzata la tua giornata tipo?” le ho chiesto. Con scioltezza e tranquillità comincia a raccontare di quando alla mattina si alza, prende il pullman per andare a scuola e, una volta tornata a casa faceva i compiti e studiava, e nel tempo libero usciva con le amiche. Proseguo con “Quante ore dedicavi allo studio?”, e con espressione interessata mi risponde semplicemente “due ore”. “Passiamo invece ai passatempi”. Rivolge lo sguardo verso l’alto e mi risponde sorridente. Dice che le piaceva molto uscire in bici con le amiche, andare alla pista di pattinaggio e ascoltare la musica, in particolare i Pooh, Venditti e Baglioni. Affermo quindi “ti piaceva stare in compagnia, deduco”. Terza domanda: “come ti vedevi nel futuro”. Compiaciuta risponde che le sarebbe piaciuto fare la maestra, e le sue erano belle speranze. Chiudo questa domanda con un’altra affermazione: “ti trovavi bene con i bambini perciò”. Ovviamente la risposta è positiva. Poi le ho domandato quale fosse il suo primo rapporto diretto con la tecnologia. Lei risponde dicendo che è stato dopo le scuole superiori, quando aveva cominciato un corso di grafico pubblicitario, che ovviamente richiedeva l’uso del computer. “Domanda extra per te: e delle mode alimentari? Era tutto così vario come adesso?”. Rispose prima con un “no” secco, e poi proseguì in breve e gesticolando, dicendo che c’erano i vegetariani ma erano una netta minoranza.

EWF,NWLEHF.jpg

Annunci

Commenti disabilitati su Adolescenti anni 80

Archiviato in L'Acuto in flessibilità, Vita di scuola

I commenti sono chiusi.