Le storie di Erodoto al Festival del Diritto

Mentre siedo accanto al computer, dietro le quinte del palco della Sala dei Teatini, la mia mente inizia inevitabilmente a vagare nell’attesa che la nostra presentazione cominci. Un bambino, nell’angolo opposto della sala, mi rivolge una smorfia divertita e, al contempo, carica di eccitazione, e io rispondo allo stesso modo, facendolo ridere. Le insegnanti, intanto, si susseguono velocemente per presentare il progetto al pubblico. Devo dire che quest’ultimo non manca affatto: genitori, amici e curiosi che sono stati attratti dalla descrizione sull’opuscolo del festival. Applaudono calorosamente e lo spettacolo inizia con il dibattito tra una mia compagna e un bambino, che chiamano ogni volta sul palco coloro a cui spetta leggere. Nonostante qualche problema tecnico, tutte le foto della presentazione vengono commentate da uno di noi e nuovamente mi perdo nei miei pensieri, mentre cerco di ricordare ognuna di esse: alcune sono state scattate a tradimento e trattengo a stento le risate quando il mio viso concentrato appare sullo schermo. Gli spettatori si divertono e scattano foto, mentre noi ragazzi e bambini ci diamo da fare affinché fili tutto liscio. Arriva il momento del video, che mostra le attività che abbiamo svolto alle elementari: la lettura delle storie tradotte dal greco e dall’inglese, le scenette messe in piedi e i cartelloni tenuti fermi sui banchi con diari e astucci mi riportano indietro a quei giorni per qualche attimo. Seguono le interviste, registrate su un divanetto così basso da risultare scomodo. Le risposte dei bambini sono esilaranti, talvolta profonde e mai scontate. Di nuovo accanto al computer, assisto alle ultime inquadrature insieme ai miei compagni, prima di essere chiamati tutti di nuovo sul palco per l’ultima volta.
Davanti a noi si presenta una schiera di spettatori che applaude con entusiasmo e, dopo gli ultimi commenti delle insegnanti, ricevo una linguaccia da un bambino nascosto dietro una colonna, alla quale non manco di rispondere allo stesso modo.
Sofia Digeronimo, 4^CB

Annunci

Commenti disabilitati su Le storie di Erodoto al Festival del Diritto

Archiviato in Vita di scuola

I commenti sono chiusi.