Una settimana alternativa al Liceo Gioia

Durante la settimana, detta “della flessibilità”, agli studenti del Liceo Gioia è stata data la possibilità di rimediare ad eventuali insufficienze tramite lezioni di recupero, o di frequentare vari corsi di approfondimento. Gli alunni hanno potuto scegliere attraverso alcune preferenze i corsi a cui partecipare, tenuti da docenti della scuola o da esperti esterni. Gli iscritti al laboratorio di giornalismo, oltre ad apprendere importanti nozioni sulla tecnica e il mestiere del giornalista, hanno avuto l’ occasione di intervistare i compagni che hanno partecipato ad altre attività, raccogliendo diverse informazioni ed opinioni in tutta la scuola. Alcuni di loro, ad esempio, hanno assistito alla lezione di teatro, in cui gli alunni sembravano molto partecipativi; mentre altri si sono divisi tra i corsi di metrica greca, violazione dei diritti umani, educazione stradale, fotografia e parkour, nel quale nel quale i ragazzi avevano la possibilità di esercitarsi scavalcando muri e saltando ostacoli in palestra. Questa settimana di lezioni alternative, che viene organizzata da oltre dieci anni nel Liceo, acquista ogni anno maggiore importanza e la gestione dei corsi è in costante miglioramento. Ci si augura di continuare su questa strada, valorizzando sempre di più questa originale iniziativa.

Matilde Bozzarelli, Elena Maserati e Michele Rossi

Advertisements

Commenti disabilitati su Una settimana alternativa al Liceo Gioia

Archiviato in Vita di scuola

I commenti sono chiusi.