Susan Boyle: la voce della bellezza

Susan BoyleAmmettiamolo, ogni giorno, accendendo la televisione su qualsiasi canale siamo completamente circondati da bellezze formose, donne procaci (anche con l’aiutino del silicone), che presentano noti programmi televisivi o ballano danze sensuali. Ecco che un giorno però tutti i telegiornali, i blog, i giornali e soprattutto il famoso sito web youtube avevano come protagonista una donna sulla cinquantina, dalla fisicità molto diversa da quella delle subrèttes che siamo abituati a vedere, ma che si era fortemente distinta per la sua voce.
Il suo nome è Susan Boyle e l’ha resa così famosa la sua partecipazione al talent show inglese Britain’s got talent, in cui ha lasciato a bocca aperta i tre giudici del programma e migliaia di spettatori che dubitavano della sua bravura solo dopo un’occhiata al suo aspetto fisico. Chi era però Susan Boyle prima del suo grande successo che l’ha investita in un così piccolo arco di tempo?
La cantante è nata nel 1961 in un piccolo paese scozzese in provincia di Edinburgo, i suoi genitori diedero vita a ben dieci figli e lei è la più piccola tra le sue sei sorelle. La sua non è stata certo un’infanzia facile, veniva spesso presa di mira dai compagni per la sua scarsa bravura a scuola ed era anche stata soprannominata “Susie Simple” (Susie la sempliciotta). Non si è mai spostata dal suo paese natale, svolgendo semplici lavori di volontariato e stando sempre vicino alla madre dopo la morte del padre e il trasferimento dei suoi fratelli, che a differenza sua si erano costruiti una famiglia, trovando un impiago altrove. Susan coltivava in solitudine la passione per la musica e il canto, limitandosi a pochi spettacoli nelle piccole comunità anglosassoni; è stata invece l’anziana madre a spingerla a partecipare ai provini dei talent show più conosciuti in Inghilterra. Lei non si sentiva però mai pronta per un passo del genere, ma fu la morte della madre novantenne nel 2007 a dirigerla verso il successo, in onore della scomparsa della donna che l’aveva affiancata in ogni piccola o grande scelta. Ecco così che nel 2009 Susan si presenta ai provini del programma Britains’s got talent, dove supera le varie fasi senza però dare nell’occhio, stando in disparte, sentendosi diversa dai giovani che la circondano. Il giorno della diretta si avvicina, i giudici e gli spettatori osservano la povera Susan salire sul palco imbarazzata mentre balbetta qualche semplice parola su di lei. I pregiudizi si notano già sui volti di chi la guarda trattenendo una risata, ma quando la musica comincia e la sua splendida voce riempie lo studio televisivo e le case degli inglesi che seguono il programma, regna per pochi interminabili secondi il silenzio intorno a Susan e poi scoppia subito un applauso fortissimo, pieno di stupore e ammirazione.
A partire da quella sera è iniziato il successo della mitica Susan Boyle; sono passati già alcuni mesi dall’aprile 2009 e la cantante ha già pubblicato un album, intitolato “I dreamed a dream”

, che ha venduto milioni di copie, aggiudicandosi il titolo di album d’esordio più venduto nella storia. Susan Boyle resta un esempio di semplicità e modestia che superano le follie del successo, infatti la donna vive ancora nella sua piccola casetta inglese in compagnia del gatto Pebbles.

Melania Degli Antoni

Annunci

Commenti disabilitati su Susan Boyle: la voce della bellezza

Archiviato in Recensioni

I commenti sono chiusi.